Informazioni Val Senales / Cultura / La Chiesa Santuario

La chiesa Santuario di Madonna di Senales - Alto Adige

Una delle più antiche chiese di pellegrinaggio nel Tirolo

Per secoli la Val Senales é stata molto frequentata da gente che passando dal Giogo Basso (luogo del ritrovamento di Ötzi) arrivata in Austria e attraversando il passo Fernpass raggiungeva la Germania e viceversa. Il Santuario di Madonna di Senales è certo da collegare a pellegrini, che usavano questi passi per recarsi in luoghi Santi. A tale proposito è da ricordare, che la chiesa di Vent in Ötztal (A) è dedicata al patrono dei pellegrini: San Giacomo.

1304 d.C. Con il ritrovamento della statuetta della Madonna nell' anno 1304 inizia la storia del Santuario, della parrocchia e del paese di Madonna di Senales. A ricordo del ritrovamento due anni dopo si edificò la prima cappella.
1306 „Quando si arrivò nell’anno 1306 è stata costruita questa casa di Dio“ (quadri alla fiancata sinistra interna della chiesa). Storicamente con questa data siamo alla fine dell’epoca delle crociate. In documenti ed in copie non si parla di cavalieri, bensì di pellegrini. Ciò porta ad una supposizione storica dell’origine del Santuario:

Pellegrini provenienti da Santuari situati al sud - o magari anche dalla Terra Santa – portano da questi luoghi una piccola statua di „Maria con il Bambino“ (13 cm d’altezza, intagliata in legno di faggio, intorno al 1300) quale ricordo. Sulla via del ritorno, mentre attraversano le Alpi la lasciano, non si sa per quale motivo, ad una famiglia contadina della Val Senales. La gente del posto prova per questa statua meglio per la Madre di Dio profonda fiducia e per onorarLa costruisce la prima cappella. L’esaudimento di molte preghiere con l’intercessione della Vergine Maria, sono il motivo dell’aumento continuo del numero di pellegrini, che si recano dalla „Madonna miracolosa di Senales“. Un valido motivo per erigere in questo luogo un santuario.
1312 con documento viene concessa un’indulgenza.
1349 la cappella viene ingrandita ed all’interno si costruisce un altare dedicato a Maria.
1366 il vescovo di Chur conferma la cura d’anime a Madonna di Senales e nel contempo richiama l’attenzione sui miracoli che qui „si ripetono spesso“. Ciò è confermato dai tre quadri alla fiancata destra all’interno della chiesa e dai quadri votivi.
1407 viene terminata la chiesa in stile gotico come conferma il terzo quadro alla fiancata sinistra interna.
Tra il 1445 e il 1449 il paese di Madonna è elevato a parrocchia.
1756 a causa dell’aumento dei pellegrini al Santuario si rende necessario l’ingrandimento e la ristrutturazione della chiesa in stile barocco. Vengona anche ordinati tutti e quadri d’altare e statue.
1797 in tale anno la parte finale del campanile gotico viene sostituita con una cima a cipolla. 1881 l’interno della chiesa è stato decorato con ritratti di Santi dipinti sulla volta: David, Martino, Floriano, Giorgio, Francesco, Cecilia; nel presbiterio: Bonifacio, Vigilio, Valentino e Corbiniano

La storia del santuario di Madonna di Senales

Una delle più antiche mete di pellegrinaggio del Tirolo: già da secoli, infatti, la Val Senales veniva attraversata per il Giogo Basso verso la Ötztal e da lì per il Passo di Fern verso Augusta. Silvano vi racconterà tutto sulla storia del luogo e della statua della Madonna in legno di bosso.
Una descrizione dettagliata della chiesa, delle cappelle e dell' interessante cimitero è disponibile nella chiesa parrocchiale (a pagamento).

Maggiori informazioni:  Email

Val Senales Informazioni

Val Senales APT

Tel. +39 0473 679148
Fax +39 0473 679177
E-Mail

Funivie Ghiacciai
Tel. +39 0473 662171
Fax +39 0473 662117
Email

Arrivo

Raggiungere la Val Senales con comodità

This Item uses Adobe Flashplayer.
You can download it using the button below.

Get Adobe Flash player

Multimedia

Guardate i nuovi video, le foto e i piú importanti downloads della Val Senales

Newsletter

Inscriviti alla Newsletter, sarai sempre
aggiornato su tutte le novitá della Val Senales

Social Networks & Recensioni alloggi

Bookmark and Share
www.teamblau.com